Ex Casa del fascio e dell'ospitalità - Comune di Predappio (FC)

Il Territorio | Informazioni turistiche | Visitare Predappio | Ex Casa del fascio e dell'ospitalità - Comune di Predappio (FC)

Ex Casa del fascio e dell'ospitalità

PalazzofascioOK

Ex Casa del fascio e dell'ospitalità 

Progetto di Arnaldo Fuzzi

Costruzione: 1934-1937
Ubicazione: Predappio - angolo Via Zoli/Via Matteotti

Nel 1926 venne promossa una raccolta di fondi per la costruzione della Casa del Fascio ritenuta fin da allora estremamente necessaria; il progetto venne elaborato dal Genio Civile di Forlì, ma il fallimento della sottoscrizione rinviò tutto agli anni Trenta, quando Cesare Bazzani propose all'allora podestà due progetti, che non incontrarono il favore delle autorità locali. L'incarico venne, così, affidato al "tecnico di casa Mussolini" Arnaldo Fuzzi.
La struttura, la collocazione urbanistica e l'estetica della Casa del Fascio erano definite non solo ai fini della sua funzionalità burocratica, ma anche della sua funzione pedagogica e propagandistica: oltre che sede degli uffici del partito, la casa doveva essere il centro della vita politica e sociale. Il partito insisteva soprattutto sull'aspetto simbolico, in cui uno spicco tutto particolare doveva avere la "torre littoria", evocatrice delle torri comunali del Medioevo, con la campana civica diretta a rivaleggiare con il campanile delle chiese. L'edificio venne inaugurato nel 1921 in occasione del Natale di Roma (21 aprile) e divenne ben presto tappa di veri e propri pellegrinaggi.

La Casa del Fascio si presenta come un lungo volume parallelepipedo che, disponendosi lungo le due principali vie della città, si piega nella parte centrale assecondando il flusso viario dell'incrocio. Decentrata verso la vecchia Predappio, la torre prolunga verso l'alto il fluido movimento orizzontale del fabbricato. L'alternanza del locale mattone e del romano travertino risolve l'impaginato compositivo dei prospetti, nel corpo di fabbrica come nella torre.
L'edificio è organizzato orizzontalmente su tre livelli distinti per funzioni e finalità diverse: dal grande atrio posto al centro si accede, attraverso una monumentale scalinata, al piano interrato, sede di un albergo diurno, al piano terreno destinato alla ricreazione (vi trovano posto due bar, un ristorante, una sala lettura, una sala da gioco) ed al piano primo, che conteneva gli uffici delle varie organizzazioni politiche e due sale riunioni.

Le case del Fascio cominciarono ad essere costruite in tutto il territorio nazionale solo quando il regime fascista si stava avviando verso l’apice del consenso, quando cioè non furono più necessarie sottoscrizioni per costruire opere destinate alla collettività, potendo accedere direttamente ai finanziamenti statali. Le diverse dimensioni delle costruzioni rispondevano alle esigenze di ogni singola località; per quanto modesta la casa non doveva avere né l’aspetto del circolo ricreativo né quello del villino e nemmeno contenere riferimenti agli stili del passato, ma possedere un elemento di per sé monumentale, la torre littoria. Simbolo di potenza, corrispondente ad un’architettura “virile e modernissima”, la torre doveva essere alta e posta ben in vista, per non essere confusa con una semplice torretta da villino o apparire elemento estraneo alla composizione d’insieme. La Casa del Fascio è per la sua importanza politica ed etica, il nucleo della città nuova. 

Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (11 valutazioni)