Notizie Storiche - Comune di Predappio (FC)

Il Territorio | Informazioni turistiche | Notizie Storiche - Comune di Predappio (FC)

Notizie Storiche

Storia di Predappio
L'insediamento più antico è l'attuale Predappio Alta, di origine romana.
Proprio a questo periodo storico si può far risalire il nome Predappio, derivante dalla denominazione latina Praesidium Domini Appi, abbreviata in Pre.D.i.Appi..
Coinvolta nelle lotte fra guelfi e ghibellini, in età medioevale Predappio acquisì una rilevanza strategica grazie all'edificazione della rocca fortificata opera di Giovanni d'Appia.
Le sue vicende furono per lungo tempo legate alle alterne fortune delle fazioni che facevano capo alle famiglie forlivesi dei Calboli e degli Ordelaffi, con una breve parentesi comunale.
Fu poi possedimento della Santa Sede fino all'invasione francese; al termine, poi, del dominio napoleonico, Predappio tornò a far parte dello Stato Pontificio fino al 1861.
Il capoluogo si trovava a Predappio Alta fino al 1927. A tal data risale il suo trasferimento nell'area valliva sottostante, denominata Dovìa; tale spostamento, motivato dal timore di cedimenti e frane della roccia del paese originario, rappresentò l'occasione per la fondazione e la costruzione nella terra natale di Benito Mussolini di un abitato rispondente in toto ai dettami dell'urbanistica e dell'architettura fasciste.
Strutturata su un sistema viario tipicamente latino, con tutte le strade secondarie parallele fra loro e perfettamente perpendicolari al viale principale, la cittadina fu organizzata intorno a due centri principali ancora oggi ben visibili: quello economico (mercato dei viveri, mercato del bestiame) e quello istituzionale della piazza su cui si affacciano il palazzo  municipale, la chiesa parrocchiale, la sede dei servizi sanitari, la caserma dei Carabinieri e la casa del fascio.
I maggiori architetti, che Benito Mussolini in persona chiamò a Predappio per farne la propria città di fondazione, riuscirono ad inglobare nella struttura equilibrata e razionale della cittadina i due luoghi maggiormente simbolici della sua storia recente: la casa natale di Mussolini, oggi sede di iniziative culturali di approfondimento della storia del Novecento, ed il cimitero di San Cassiano in Pennino che, realizzato per riunire in un unico mausoleo le tombe di Rosa Maltoni ed Alessandro Mussolini, oggi ospita la tomba dell'intera famiglia Mussolini e, a poca distanza, quella dell'illustre uomo politico predappiese Adone Zoli.

La struttura e gli edifici di Predappio costituiscono la testimonianza di un vero e proprio "museo all'aria aperta", che residenti e turisti possono visitare seguendo un percorso guidato, ideato dall'Amministrazione Comunale in collaborazione con le istituzioni e con il mondo universitario, denominato MUSEO URBANO.

Rocca di Predappio Alta: Ancora in odore di battaglie fra guelfi e ghibellini, si presenta oggi, dopo gli accurati restauri portati a termine dalla locale amministrazione comunale, la Rocca medievale di Predappio Alta, un imponente e integro castello, arroccato fra le case del borgo antico, che guarda le soleggiate colline punteggiate di vigneti dell’alto forlivese. Ed è proprio grazie a quei vigneti, che sulle colline di Predappio trasformano il Sangiovese di Romagna in un grande cru, che la restaurata Rocca troverà nuova vita. Da un progetto di collaborazione fra il Comune, l’Associazione di promozione del Sangiovese di Predappio e la Pro Loco di Predappio Alta, è nata infatti l’idea di destinare gli spazi del castello alla scoperta, oltre che del patrimonio storico del territorio, della sua enogastronomia; qui, infatti, visitatori, enoturisti e appassionati del vino potranno degustare e acquistare tutta la produzione di Sangiovese made in Predappio.
A partire dal 25 aprile e fino al 4 ottobre la Rocca, i camminamenti, gli spalti e il rinnovato interno, inaugurati dopo l’imponente opera di restauro a luglio 2008, resteranno aperti alle visite nei pomeriggi della domenica e giorni festivi (mesi di aprile, maggio, settembre e ottobre) e del fine settimana intero (sabato e domenica) nei mesi di giugno, luglio e agosto, con l’obiettivo di dar vita a una enoteca del Sangiovese, museo del vino e vetrina delle eccellenze di Romagna e, in particolare, del territorio di Predappio.
È infatti stato programmato, - in collaborazione con l’AIS (Associazione Italiana Sommmeliers) Romagna – un ciclo di degustazioni dei vini delle aziende aderenti all’Associazione per la Promozione del Sangiovese di Predappio e territori limitrofi, in abbinamento con la degustazione – a cura dell’Associazione Pro Loco di Predappio Alta . di prodotti tipici alla gastronomia locale (piadina, affettati, formaggi e , tra questi, l’ormai celebre formaggio di grotta, pecorino di provenienza toscana stagionato nelle grotte della ex Solfatara di Predappio Alta).
L’iniziativa, dal titolo emblematico “La storia nel calice”, si svolge in uno dei due locali ricavati nella Rocca, ristrutturato con la finalità di diventare uno dei principali luoghi e strumenti della promozione del territorio a trecentosessanta gradi.
In tal modo, rendendo visitabile uno dei monumenti predappiesi di maggiore interesse storico ed architettonico e proponendolo in abbinamento alle tipicità enogastronomiche locali e, in particolare, al prodotto “principe” del territorio (il Sangiovese), si mira ad elevare la qualità dell’offerta turistica di Predappio e ad incrementare notevolmente la visibilità del territorio e, di riflesso, le presenze di turisti e visitatori.

Eventi legati alle Città di Fondazione: Con l’espressione “città di fondazione” vengono identificati i nuclei urbani ed abitativi nati non spontaneamente, ma sulla base di un preciso progetto urbanistico e costruiti nella parte fondamentale, detta “nucleo di fondazione”, tramite un intervento unitario di solito realizzato in tempi brevi. Mercoledì 20 Gennaio a Latina verrà costituita l’Associazione Nazionale delle Città di Fondazione,   cioè tutte quelle che furono fondate da Benito Mussolini. Predappio in questo novero occupa un posto d’onore perché città natale del Duce. Sono cinque i comuni d’ Italia coinvolti in questo importante progetto volto a valorizzare il patrimonio architettonico e urbanistico del Ventennio che verrà presentato nell’aula consiliare di Latina, in una conferenza stampa. Alla firma dell’atto costitutivo, passaggio obbligato per dar vita a tutta una serie di iniziative partite già dal dicembre 2005 con l’allestimento di Città di Fondazione Italiane 1928/1942, mostra accompagnata da un superbo catalogo, assisteranno i sindaci e i delegati dei comuni di Predappio, Alghero, Tresigallo, Arborea e Torviscosa, oltre alla Provincia di Latina, ente capofila dell’associazione. L’obiettivo di tutte le amministrazioni citate, di colore politico diverso, è quello di valorizzare un patrimonio architettonico di altissimo profilo urbanistico, realizzato immediatamente prima del secondo conflitto mondiale. A presiedere l’Associazione sarà Fabio Bianchi, assessore alla cultura della Provincia di Latina e promotore del protocollo, idea che ha coagulato il consenso delle amministrazioni intorno al progetto. L’adesione sarà estesa nel tempo a tutti i Comuni che vantano significative presenze urbanistiche riconducibili al periodo storico interessato e che manifestino volontà di aderire all’Associazione. L’architettura del periodo fascista, che in gran parte si esprime stilisticamente con la lingua del razionalismo, si compone di insediamenti e singoli edifici che oltretutto possiedono un’incredibile qualità edilizia, in termini sia di materiali impiegati sia di soluzioni tecnico-strutturali. Lungo tale percorso di studio e di lavoro, le finalità e gli interessi dell’amministrazione predappiese hanno incontrato quelli di altre realtà i cui territori sono caratterizzati da un elemento comune, ossia quello di ospitare significativi nuclei urbani “di fondazione”. Da qui appunto, la nascita dell’Associazione delle Città di Fondazione. Un progetto volto alla conoscenza, valorizzazione e conservazione del patrimonio architettonico dei territori delle ammistrazioni aderenti e sui quali s’inserisce la collaborazione con il mondo universitario a garanzia di accuratezza e scientificità dell’operazione. Dove Predappio, terra natale del Duce e città di Fondazione, resta comunque protagonista.
Predappio crede molto nell’iniziativa, perché punta alla valorizzazione dell’intera città di fondazione, col suo patrimonio architettonico, in parte ancora inutilizzato, come per esempio l’ex Casa del Fascio o l’ex stabilimento Caproni.

 

Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (6 valutazioni)