tillage1.jpgtillage10.jpgtillage11.jpgtillage12.jpgtillage6.jpgtillage7.jpgtillage8.jpgtillage9.jpg
Messaggio
  • Direttiva Europea sulla privacy

    Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalita' quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Se non acconsenti all'utilizzo dei cookie di terze parti, alcune di queste funzionalita' potrebbero essere non disponibili. Per maggiori informazioni consulta la

    privacy policy

    Non hai acconsentito. La decisione puo' essere modificata.

Casa natale Benito Mussolini

casanatale

Casa natale Benito Mussolini 
Ubicazione: Predappio - via Varano Costa

Edificio di modesta fattura, realizzato con grossi sassi e pietra "spungone". Qui Mussolini nacque il 29 luglio 1883, in una stanza del primo piano. Attualmente l'edificio, ristrutturato e riaperto al pubblico, viene utilizzato come sede espositiva per mostre di interesse storico-artistico.


Il 15 aprile 1923, nel corso della prima visita a Forlì dopo essere divenuto Capo del Governo, Mussolini fece ritorno nei luoghi della sua infanzia, a Dovìa (nome dell'originario paese su cui sorse poi Predappio Nuova) dove un gruppo di predappiesi annunciò l'intenzione di volergli regalare la casa dove nacque.

Quando il 30 agosto 1925, il segretario del Partito Nazionale Fascista giunse a Predappio con il mandato di fondare Predappio Nuova, fu apposta sulla facciata della casa una targa che celebrava il luogo di nascita del duce, la quale venne però rimossa nel 1926 per volere di Mussolini stesso che intendeva mantenere nella semplicità la casa, per farne una testimonianza delle suo origini rurali. Seguendo questa strategia, all'interno della casa, vennero allestite l'officina da fabbro del padre Alessandro, le camere da letto degli sposi e dei bambini Benito e Arnaldo (ad oggi non più conservati).  La stampa fascista si concentrò in particolare su alcuni aspetti, soprattutto la mitizzazzione dei luoghi, dei genitori e dell'ambiente rurale che la propaganda voleva esaltare. La casa, insieme al cimitero di San Cassiano, divenne verso la fine degli anni Trenta uno dei luoghi più visitati a Predappio; tra il largo numero di visitatori si elencano anche il Re Vittorio Emanuele III di Savoia e il figlio, Principe Umberto II.

 

All'interno della casa natale si può trovare una fotografia dell'originale impressione prospettica, il progetto con cui l'architetto Florestano Di Fausto intendeva costruire il nuovo abitato di Predappio, e in particolare quella che oggi è la Piazza Sant'Antonio. Il progetto è firmato e approvato da Mussolini stesso.

Vi si può trovare anche l’originale bandiera della Sezione del Partito Socialista di Dovìa, all’interno del quale Mussolini iniziò la sua carriera politica. La bandiera risale al 1913 e gli unici due colori presenti su di essa sono il rosso e il nero; vi si può leggere in alto “Sezione di Dovìa” e sotto “Fate largo che passa il lavoro”, frase dettata da Mussolini perché rispecchiasse i valori e gli ideali dettati dal partito. Nel 1922 una squadra di fascisti rubò la bandiera dalla sede del Partito ma, al ritorno, mentre loro fecero gazzara in una osteria ubriacandosi, gettando in strada tavoli e panche di legno per poi darli alle fiamme, un socialista salì di nascosto sul camion dei fascisti e si riprese la bandiera che fu tenuta nascosta per tutto il periodo fascista e venne esposta a Liberazione avvenuta.

 

La casa natale è visitabile in occasione di mostre sulla storia contemporanea e sulla memoria del Novecento, organizzate dal Comune di Predappio, la quale amministrazione ha come obiettivo primario quello di creare uno spazio di riflessione e di confronto partendo proprio da un luogo simbolico creato negli anni '20 del Novecento per mitizzare le origini di chi vi era nato.

 

"Tra Razionalismo e Art Déco

La chiesa di Sant’Antonio a Predappio"

apertura estiva (dal 14/06 al 10/09): da mercoledì a domenica e festivi dalle 10.00 alle 13.00 - dalle 14.00 alle 18.00

 

Per informazioni:

Ufficio IAT Predappio (dal lunedì al sabato 8.00 - 13.00 / domenica 10.00 - 13.00)

Tel: 0543 921766

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Comune di Predappio